Ricerca Avanzata
Visite
5042
Data aggiornamento: 2010/08/10
Domanda concisa
Perché Dio non ha voluto che tutti gli esseri umani fossero guidati e ottenessero questo bene?
Domanda
Prestando attenzione al versetto 13 della sura as-Sajda del Corano: “E se avessimo voluto, avremmo dato a ogni essere umano la sua guida; …”, si evince che Dio non ha voluto che tutti gli esseri umani fossero guidati. Se Iddio voleva il bene di tutte le creature, doveva volere la guida di tutte, ma non l’ha fatto. Perché?
Risposta concisa

Ciò che è stato detto riferendosi a questo nobile versetto (Corano 13:32), ovvero che Dio non avrebbe voluto la guida di tutti gli esseri umani, è falso. In realtà è il contrario e Dio ha voluto la guida di tutte le creature, poiché secondo ciò che si può comprendere dai versetti:

a.     La guida divina è o cosmologica (takwiniyy) o legislativa (tashri'iyy). La guida cosmologica, che è generale, appartiene a tutti i fenomeni del creato, e Dio, conformandosi alla loro natura, ha avviato ognuno di loro verso la perfezione e l’obiettivo che gli ha decretato. La guida legislativa è specifica per i dotati d’intelletto e riguarda le questioni religiose come le credenze giuste e le leggi divine (ciò che si deve fare e non) ecc. Questa guida è stata attuata sugli uomini per mezzo dei Profeti e degli infallibili Imam (A); e per tutti gli esseri umani è una grazia disporre di entrambe le guide.

b.    Moltissimi versetti esprimono che l’essere umano è libero di scegliere, per esempio: “Noi abbiamo mostrato lui la via, sia grato o ingrato”. Questo diritto alla libera scelta, è una guida cosmologica da parte di Dio, poiché la fonte del libero arbitrio non può essere l’essere umano stesso, altrimenti ci s’imbatterebbe in un circolo vizioso.

c.     Il creato è basato sulla legge della causa e conseguenza, e la tradizione di Dio, il Sublime, è quella di iniziare una cosa da una serie di cause, e anche nella questione della guida fornisce uno strumento a chi vuole, affinché ciò che è corretto e l’obiettivo gli diventino chiari e in questo modo il suo servo raggiunga il proprio obiettivo finale. In conclusione, secondo i versetti del Corano, la guida cosmologica di Dio comprende tutte le creature e inoltre l’essere umano fa parte anche della guida legislativa, però, da un’altra parte, poiché nell’essenza umana la volontà e il libero arbitrio sono innati, egli è libero di scegliere se con l’aiuto delle guide particolari di Dio, vuole accettare questa guida o chiudere gli occhi e camminare in senso opposto alla guida particolare, terminando nella miscredenza e oppressione. Inoltre dal versetto in questione si può intuire che, se Dio avesse voluto, avrebbe potuto creare gli esseri umani come tutti gli altri fenomeni, ossia senza libertà di scelta. Invece Dio, donando il libero arbitrio all’essere umano, lo ha reso responsabile di fronte alle guide cosmologica e legislativa, affinché in questo modo discerna il bene dal male. Inoltre secondo quella stessa tradizione divina, se un essere umano s’incammina sulla strada dell’oppressione e della miscredenza, per natura, la guida divina non apparterrà a queste due deviazioni, mentre chi con la propria scelta intraprende la via del vero, beneficerà della guida maggiore.

Risposta dettagliata

Prima di entrare nell’argomento è necessario trattare alcuni punti:

1.     La traduzione completa del versetto: “E se avessimo voluto, avremmo dato a ogni essere umano la sua guida [con costrizione, ma lo abbiamo lasciato libero]; e la mia parola e promessa è vera: che riempirò l’inferno con tutti i jinn e gli esseri umani”.[1]

2.     Il significato di guida: in questo contesto con il termine “guida” s’intende guidare per grazia e con buon intento.

3.     Tipi di guida divina: secondo i versetti coranici, in una suddivisione generale, la guida divina è cosmologica (takwiniyy) o legislativa (tashri'iyy). La guida cosmologica, che è generale, appartiene a tutti i fenomeni del creato, e Dio, conformandosi alla loro natura, ha avviato ognuno di loro verso la perfezione e l’obiettivo che gli ha decretato. Nel sacro Corano Dio ha detto: “Disse: ‘Il nostro Dio è colui che ha dato a ogni cosa la sua natura e in seguito l’ha guidata’ ”[2]. Inoltre ha detto: “Lo stesso che ha creato e ha donato armonia; e ha decretato e ha guidato”[3].

La guida legislativa è specifica per i dotati d’intelletto e riguarda le questioni religiose come le credenze giuste e le leggi divine (ciò che si deve fare e non) ecc. Questa guida è stata attuata sugli uomini per mezzo dei Profeti e degli infallibili Imam (A). Iddio dice: “[Dal momento che] Un gruppo è stato guidato e su un altro si è stabilita la deviazione”[4]; oppure dice: “E Dio guida chi vuole sulla retta via”[5]. Dalla particolarità di questi individui, capiamo che ci si riferisce alla guida particolare e religiosa. Però, senza dubbio, questa stessa guida, rispetto all’umanità, è generale.

4.     Il libero arbitrio è una guida cosmologica: l’essere umano in qualità di creatura e servo di Dio, tra tutte le creature, è l’unica che è stata creata libera. Nel sacro Corano, centinaia di versetti confermano la libertà di scelta dell’essere umano. Allah dice: “E dì: ‘Il vero proviene dal tuo Dio, chiunque voglia presti fede [e accetti questa verità] e chiunque voglia diventi miscredente”[6]. Inoltre dice: “Noi abbiamo mostrato lui la via, sia grato o ingrato”[7].

Quindi è l’essere umano stesso che decide quale azione compiere e quale non.

Questa libertà fa parte della sua natura ed è una cosa che non può assolutamente essere scissa. Quindi l’essere umano è obbligato ad avere la libertà di scelta ed essere libero, poiché se fosse stato libero di scegliere se essere libero o meno, poteva scegliere anche di non esserlo, e invece non conosciamo nessun individuo del genere. Pertanto la fonte del libero arbitrio nell’essere umano non può essere lui stesso, altrimenti c’imbatteremmo in un circolo vizioso. Però nelle azioni a lui connesse può scegliere, ovvero l’essere umano a causa della propria natura umana è libero di compiere un’azione o meno, e questa è la guida cosmologica.

5.     Il sistema del creato e la tradizione divina: il creato è basato sulla legge della causa e conseguenza, e la tradizione di Dio, il Sublime, è quella di iniziare una cosa da una serie di cause, e anche nella questione della guida fornisce uno strumento a chi vuole, affinché ciò che è corretto e l’obiettivo gli diventino chiari e in questo modo il suo servo raggiunga il proprio obiettivo finale.

Grazie ai punti citati e secondo i versetti Coranici, la guida cosmologica comprende tutte le creature, e l’essere umano, oltre a questa, viene guidato anche tramite la guida legislativa, però, poiché nell’essenza umana la volontà e il libero arbitrio sono innati, egli è libero di scegliere se con l’aiuto delle guide particolari di Dio, vuole accettare questa guida o chiudere gli occhi e camminare in senso opposto alla guida particolare, terminando nella miscredenza e oppressione. Inoltre dal versetto in questione si può intuire che, se Dio avesse voluto, avrebbe potuto creare gli esseri umani come tutti gli altri fenomeni, ossia senza libertà di scelta. Invece Dio, donando il libero arbitrio all’essere umano, lo ha reso responsabile di fronte alle guide cosmologica e legislativa, affinché in questo modo discerna il bene dal male.

Conclusione:

È stato chiarito che quanto detto riferendosi al versetto in questione (Corano 13:32), ovvero che Dio non ha voluto la guida di tutti gli esseri umani, non è un’affermazione corretta. Al contrario, Lui ha voluto la guida di tutte le creature, tranne il caso che l’essere umano di sua spontanea volontà s’incammini sulla via dell’oppressione e della miscredenza, poiché secondo la tradizione divina, naturalmente la guida divina non può essere applicata su di lui[8]; mentre chi sceglie di percorrere la via del vero, avrà la grazia di una guida superiore.[9]

“E coloro che si sforzano sulla nostra strada, certamente gli mostreremo le sue vie e in verità Allah è con i benefattori”[10].[11]



[1] Sacro Corano, 32:13.

[2] Sacro Corano, 20:50.

[3] Sacro Corano, 87:2 e 3.

[4] Sacro Corano, 7:30.

[5] Sacro Corano, 2:213.

[6] Sacro Corano, 18:29.

[7] Sacro Corano, 86:3.

[8] Sacro Corano, 2:264, 5:67, 9:37 e 9:80.

[9] Ibidem.

[10] Questa risposta è stata scritta utilizzando le seguenti fonti:

Allamah Mohammad Hosseyn Tabatabai, traduzione persiana del Tafsir al-Mizan, vol. 14, pag. 214 in poi; vol. 1, pag. 66 in poi; vol. 17, pag. 167 in poi; vol. 32, pag. 89 in poi, editore Mohammadi, terza ristampa, 1990. Makarem Shirazi, Tafsir-e Nemune: vol. 1 pp. 67 e 430; vol. 2, p. 259 in poi; vol. 17, p. 166 in poi; vol. 25, p. 336 in poi; vol. 11, pp. 223-226, 365 e 420 in poi.

[11] Sacro Corano, 29:69.

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Numero di commenti 0
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

  • Chi era Thawban? La Famiglia del Profeta (A) che opinione aveva su di lui e i suoi hadìth?
    4763 برخی صحابیان
    Thawban, che viene ricordato come il «Mawla dell’Inviato di Allah», era uno degli schiavi liberati grazie al Profeta (S); in seguito alla sua liberazione diventò uno dei compagni del Profeta (S) e dei devoti alla Famiglia del Profeta (A). In merito al suo immenso affetto per il ...
  • Come si è formato il secolarismo, ovvero la teoria del separare la religione dalla politica?
    7136 Teologia moderna
    Durante il Rinascimento, i credenti cristiani si resero conto che la loro religione, con le sue carenze, non poteva rispondere alle nuove esigenze politico-sociali; quindi venne a formarsi la teoria del separare la religione dalla politica.Il secolarismo è frutto della civiltà occidentale, poiché ...
  • Hammadah era un uomo o una donna? Che genere di personalità era?
    4458 تاريخ بزرگان
    Nei libri di ilm al rijal[1] è stato riportato che sono vissute due donne col nome di “Hammadah”: una “Hammadah bint Raja'” e l’altra “Hammadah bint al-Hasan”; però, in realtà, pare che questi due nomi appartengano alla stessa persona. Questa donna faceva parte dei ...
  • Cos’è l’i'tikaf (ritiro spirituale)?
    7251 Etica teorica
    Il significato terminologico della parola araba i'tikaf è: risiedere, rimanere in un luogo e attenersi a determinate prescrizioni; però nella religione islamica significa risiedere in un luogo sacro con l’intenzione di avvicinarsi a Dio l’Altissimo. L’i'tikaf non è una specificità della religione islamica, al contrario era presente ...
  • Le religioni nafs al-amri sono molteplici?
    4999 Filosofia della religione
    Il Corano, le Tradizioni e le prove razionali testimoniano che tutti gli esseri umani hanno in comune un’essenza umana, senza dubbio la stessa che la religione nafs al-amri tiene in considerazione per guidare l’essere umano verso la beatitudine. Quindi essa è unica e con una sola versione.
  • Perché i nomi degli Imam infallibili (A) non sono stati riportati esplicitamente nel Corano?
    5704 Teologia antica
    Bisogna prestare attenzione al fatto che nonostante il nome dei puri Imam (A) non sia stato riportato esplicitamente nel Corano, tuttavia il Profeta dell’Islam (A) li ha nominati, specialmente Alì ibn Abi Talib (A), di cui l’hadìth di Ghadir ne è un chiaro esempio poiché viene annunciato ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    31854 Etica pratica
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Qual è l’importanza del mese di Rajab e quali sono le pratiche devozionali da compiere?
    8058 Etica pratica
    Numerosi hadìth sono stati tramandati sui mesi ricchi di virtù e Rajab è uno di questi. Le pratiche devozionali di questo mese sono le seguenti: digiuno; invocazioni come chiedere perdono, ecc.; ghusl; preghiera; pellegrinaggio meritorio alla Mecca; pellegrinaggio ai mausolei degli Imam (A), in particolar modo a quelli ...
  • La religione: una o molteplici?
    6936 دین
    Se per religione s’intende il complesso dei credi, dell’etica e delle norme che sono state rivelate da parte di Dio e sono state comunicate alle genti tramite i Profeti (A), in questo caso la religione è una sola e la differenza tra le religioni è sita in ...
  • La religione è conciliabile con la politica?
    5658 Teologia moderna
    Una religione rivelata per indicare la via della beatitudine umana fino alla fine dei tempi, non può essere indifferente di fronte a un ente come il governo, di cui tutte le società hanno bisogno. D’altra parte, la struttura delle regole islamiche è tale da richiedere la presenza ...

Le più visitate

  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    40305 Diritto e Precetti
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    31854 Etica pratica
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    27730 Diritto e Precetti
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Qual è la norma riguardante il radere la barba e la depilazione dei peli del corpo?
    27565 Etica
    È considerato vietato radere la barba, con una lama o un rasoio elettrico, solamente nel caso che gli altri dicano che uno non possiede più la barba.Anche radere una parte della barba (come spiegato sopra) equivale al raderla tutta
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    26562 Teologia antica
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    25490 Teologia antica
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • È vietato festeggiare il compleanno?
    19588 Diritto e Precetti
    Le feste di compleanno non rispecchiano una tradizione islamica e negli insegnamenti islamici non esistono consigli in tal senso. Noi non intendiamo condannare questa nuova tradizione, pur non approvando le tradizioni importate pedissequamente da altri, poiché siamo convinti che le tradizioni debbano essere profondamente radicate nella coscienza ...
  • Qual è la norma che regola la depilazione femminile delle sopracciglia? E di fronte al marito?
    17714 Diritto e Precetti
    L'atto di depilare le sopracciglia per le donne, di per sé, non presenta problemi. Nell'Islam è considerato meritorio truccarsi per il marito e una donna che trascuri il trucco e l'abbellirsi per il marito, è biasimata. Pertanto i giurisperiti sciiti, nonostante incitino le donne a rispettare tale ...
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    17204 Esegesi
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    17057 Teologia antica
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...