Ricerca Avanzata
Visite
3362
Data aggiornamento: 2010/12/19
Domanda concisa
Perché l’imam Hasan (A) non è insorto come l’imam Husayn (A)?
Domanda
Perché l’imam Hasan (A), pur potendo insorgere contro gli Omayyadi, non lo fece e l’unico Imam che si ribellò fu l’imam Husayn (A), quali furono le sue motivazioni per insorgere?
Risposta concisa

Ogni avvenimento storico dev’essere analizzato in base al suo contesto politico.

Quando l’imam Hasan (A) ottenne il governo (quale successore dell’imam Alì - A -), la prima cosa che fece fu di organizzare un esercito per affrontare Mu'awiyyah, però prendendo in considerazione il contesto sociale, tutte le questioni riguardanti il mondo islamico, valutando la forza militare del proprio governo rispetto a quello di Mu'awiyyah e ritenendo dannoso il proseguimento della guerra in queste condizioni, fu obbligato ad accettare la pace ed evitò lo scontro.

La storia dimostra che:

     i.        L’imam Hasan (A) non avendo comandanti e compagni sinceri non aveva la possibilità militare di vincere Mu'awiyyah e i suoi seguaci.

    ii.        In un tale contesto, il mondo islamico non avrebbe tratto alcun vantaggio dall’esito di una guerra con Mu'awiyyah.

   iii.        Uno scontro tra l’imam Hasan (A) e Mu'awiyyah, e il martirio del primo, sarebbe stata una sconfitta per il nucleo del califfato dei musulmani (l’imam Hasan era califfo a quel tempo).

La situazione dell’imam Husayn (A) era invece completamente diversa; infatti la gente in quel lasso di tempo si era stancata delle oppressioni degli Omayyadi, voleva stringere il patto di alleanza con l’Imam (A) e aveva preparato Kufa quale centro per formare il suo governo. Inoltre l’avversario dell’imam Husayn (A) era Yazid, che non rispettava nessuna delle norme islamiche, e un eventuale giuramento di fedeltà dell’Imam (A) nei suoi confronti, avrebbe significato accettare e riconoscere ufficialmente le sue oppressioni e la sua deviazione; non sarebbe rimasto così più niente dell’Islam.

Quindi la pace dell’imam Hasan (A) e l’insurrezione dell’imam Husayn (A) sono due vicende storiche che devono essere analizzate ognuna in base al proprio contesto socio-politico; per noi entrambi gli Imam (A) sono immuni da errore e se l’imam Husayn (A) fosse stato il successore di Alì (A) si sarebbe comportato come suo fratello Hasan (A).

Risposta dettagliata

L’Islam è originalmente una religione di misericordia, pace e tranquillità. La vita del Profeta (S) e degli Imam (A) ne sono un chiaro esempio, tranne i casi in cui siano stati costretti alla guerra per difendersi.

Quando l’imam Hasan (A) divenne califfo, Mu'awiyyah gli si oppose con le sue forze armate, perciò egli stesso preparò un esercito per difendersi e fronteggiare quello di Mu'awiyyah. In seguito però, le condizioni cambiarono in modo tale che l’imam Hasan (A) fu costretto a difendere l’Islam in un altro modo[1].

Riguardo alla pace dell’imam Hasan (A) e l’insurrezione dell’imam Husayn (A) c’è da dire che esse sono due vicende storiche derivanti dal proprio contesto socio-politico e che devono essere analizzate in base ad esso.

Secondo noi l’imam Hasan (A) e l’imam Husayn (A) sono entrambi imam e immuni dall’errore. Il fatto che uno abbia stretto un trattato di pace e l’altro sia invece insorto è dovuto ai differenti contesti socio-politici in cui ognuno di loro è vissuto, cui accenniamo brevemente:

1.     Dal punto di vista storico è risaputo che Mu'awiyyah fosse astuto: apparentemente rispettava le norme islamiche. Al contrario Yazid, non solo nutriva un profondo odio per l’Islam, come il padre, ma lo manifestava anche, non portando rispetto per nessuna delle sacralità islamiche[2]. È per questo che l’imam Husayn (A), quando Mu'awiyyah era ancora in vita, nonostante avesse ricevuto lettere dall’Iraq che lo invitavano alla rivolta contro Mu'awiyyah, non accettò e disse: “Ora non è tempo per insorgere, Dio abbia misericordia di voi, fino a quando Mu'awiyyah è in vita, non fate niente e rimanete nascosti nelle vostre case”[3].

2.     La presenza dei khawarij[4], la mancanza di compagni sinceri e comandanti con spirito di sacrificio[5] e altresì la fragilità interna, avevano indebolito il potere militare dell’imam Hasan (A), inoltre la gente era restia a partecipare a una guerra contro Mu'awiyyah[6], questi erano tra i motivi della pace, come disse egli stesso: “Vidi che la maggior parte della gente voleva la pace e non la guerra, non volevo obbligarli a fare ciò che non gradivano. Perciò per proteggere la vita di [un esiguo numero di] essi, accettai la pace”[7].

3.     L’imam Hasan (A) era a quel tempo il califfo dei musulmani e uno scontro con Mu'awiyyah che avesse causato la morte del primo, sarebbe stata la sconfitta del califfato dei musulmani e, come disse Shahid Motahhari, ciò non l’avrebbe voluto nemmeno l’imam Husayn (A): che qualcuno sia ucciso quale successore del Profeta (S) e califfo dei musulmani[8]. Infatti l’imam Husayn (A) non volle essere ucciso alla Mecca, poiché sarebbe stata una profanazione di un luogo sacro. Tali condizioni non potevano esigere una guerra e la pace fu una tattica importante per dare un assetto allo stato dei musulmani e rafforzare le fondamenta del governo islamico.

Noi siamo pertanto convinti che se l’imam Husayn (A) fosse stato al posto dell’imam Hasan (A), si sarebbe comportato allo stesso modo. Prova di ciò è il fatto che quando l’imam Hasan (A) ebbe accettato il trattato di pace, un gruppo di persone andò dall’imam Husayn (A) dicendo che essi non erano d’accordo con la pace e se dovevano stringere il patto di alleanza con lui (cioè l’imam Husayn). Egli rispose: “No, qualsiasi cosa faccia mio fratello Hasan (A), io lo seguo”[9].

Invece, per le seguenti motivazioni, il contesto dell’imam Husayn (A) era completamente opposto:

  1. La prima differenza fra la situazione dell’imamato dei due Imam (A), che causò la rivolta dell’imam Husayn (A) fu che Yazid gli chiese di stringere il patto di alleanza con lui e se l’Imam (A) avesse giurato fedeltà a lui, che non rispettava nessuna delle norme islamiche, sarebbe stato come accettare e riconoscere ufficialmente le sue oppressioni e la sua deviazione, non sarebbe rimasto così più niente dell’Islam e delle sue sacralità. Al contrario, Mu'awiyyah non aveva chiesto all’imam Hasan (A) di stringere il patto d’alleanza con lui, che era anche una delle condizioni del trattato di pace.

  2. Quegli stessi individui che al tempo dell’imam Hasan (A) non erano propensi a una guerra[10], durante i vent’anni del governo di Mu'awiyyah si erano stancati dell’oppressione degli Omayyadi, e Kufa era una città quasi pronta a diventare il centro del governo dell’imam Husayn (A), ciò non lasciava giustificazioni all’imam Husayn (A) per non accettare l’invito della gente di Kufa[11].

  3. La più importante motivazione della rivolta dell’imam Husayn (A) è l’ordinare il bene e proibire il male.

Mu'awiyyah durante i suoi vent’anni di regno si era comportato contrariamente alle norme islamiche: aveva oppresso la gente, cambiato le regole islamiche, sperperato il denaro pubblico (bayt al-mal), versato il sangue di persone innocenti, violato il trattato di pace, il Corano e la tradizione del Profeta (S); inoltre dopo di sé, aveva nominato come successore il figlio, che beveva vino e giocava con i cani; tutto ciò spinse l’imam Husayn (A) a insorgere per ordinare il bene e proibire il male. Queste caratteristiche di Mu'awiyyah non erano ancora palesi per la gente al tempo dell’imam Hasan (A) e forse è per questo che si dice che il trattato di pace dell’imam Hasan (A) è stato alla base della rivolta dell’imam Husayn (A). Infatti le condizioni poste nel trattato da parte dell’Imam (A) sbarrarono la via a qualsiasi inganno di Mu'awiyyah, anche se poi lui non le rispettò, ma con ciò, nella società islamica, non compromise altro che se stesso, e il risultato fu la rivolta dell’imam Husayn (A) contro suo figlio Yazid.

Queste sono alcune delle condizioni del trattato di pace dell’imam Hasan (A):

1.     Mu'awiyyah si comporti secondo il Corano e la tradizione del Profeta (S).

2.     Dopo di lui, il califfato torna all’imam Hasan (A), o nel caso in cui non fosse possibile, all’imam Husayn (A).

3.     Sia vietato insultare l’imam Alì (A) durante i sermoni e le preghiere comunitarie.

4.     Non sia toccato il denaro pubblico di Kufa che ammonta a cinque milioni di dirham.

5.     I musulmani e gli sciiti siano al sicuro.

Da queste condizioni si può chiaramente dedurre che l’imam Hasan (A) non voleva consolidare il califfato di Mu'awiyyah, ma era stato costretto a comportarsi così per il bene dell’Islam e dei musulmani, e in base al contesto della società islamica del tempo.

Fu dunque a causa delle condizioni della società islamica al tempo dell’imam Hasan (A) e il fatto che egli fosse califfo, che strinse il trattato di pace con Mu'awiyyah; infatti queste condizioni erano diverse da quelle dell’imam Husayn (A): le prime richiedevano la pace e le seconde l’insurrezione.

Per approfondire l’argomento si consulti il libro Seyri dar Sire-ye A'emme-ye Athar (A) di Motahhari, pp. 51-97.



[1] Rezvani Alì Asghar, Pasokh be Shobahat-e Vaqe'e-ye Ashurà, pag. 35.

[2] Ivi, pag. 319.

[3] Al-Majma' al-'Alami li'Ahl al-Bayt (A), A'lam al-Hidayah, Imam Husayn (A), pag. 147.

[4] Uno dei gruppi insorti contro l’imam Alì (A), che erano estremisti e si consideravano migliori e più degni di prendere decisioni dell’Imam (A).

[5] Dicono che l’imam Hasan (A) avesse scelto quattro comandanti per il suo esercito che Mu'awiyyah corruppe e attrasse dalla sua parte. Rezvani Alì Asghar, Pasokh be Shobahat-e Vaqe'e-ye Ashurà, pag. 316.

[6] Il combattimento di tre battaglie (Jamal, Siffin e Nahrawan) al tempo dell’imam Alì (A) aveva creato scetticismo e stanchezza rispetto alla guerra nei compagni dell’imam Hasan (A).

[7] Al-Majma' al-'Alami li'Ahl al-Bayt (A), A'lam al-Hidayah, Imam Husayn (A), pag. 147.

[8] Motahhari Morteza, Seyri dar Sire-ye A'emme-ye Athar (A), pag. 77.

[9] Ivi, pag. 96.

[10] L’imam Hasan (A) in uno dei suoi ultimi sermoni chiese il parere della gente riguardo al continuare la battaglia. Essi risposero che volevano la vita, quindi di firmare il trattato di pace. Rezvani Alì Asghar, Pasokh be Shobahat-e Vaqe'e-ye Ashurà, pag. 316.

[11] Motahhari Morteza, Seyri dar Sire-ye A'emme-ye Athar (A), pag. 81.

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

Le più visitate

  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    22312 Teologia antica 2011/04/20
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    21374 Diritto e Precetti 2010/08/16
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    17794 Etica pratica 2011/08/04
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    15820 Teologia antica 2011/02/08
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    13442 Esegesi 2010/11/08
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    12079 Teologia antica 2011/01/20
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...
  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    12005 Diritto e Precetti 2011/05/22
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    11912 Filosofia del diritto e dei precetti 2012/06/06
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico ...
  • È vietato festeggiare il compleanno?
    11713 Diritto e Precetti 2012/06/09
    Le feste di compleanno non rispecchiano una tradizione islamica e negli insegnamenti islamici non esistono consigli in tal senso. Noi non intendiamo condannare questa nuova tradizione, pur non approvando le tradizioni importate pedissequamente da altri, poiché siamo convinti che le tradizioni debbano essere profondamente radicate nella coscienza ...
  • Qual è la norma riguardante il radere la barba e la depilazione dei peli del corpo?
    11176 Etica 2011/12/21
    È considerato vietato radere la barba, con una lama o un rasoio elettrico, solamente nel caso che gli altri dicano che uno non possiede più la barba.Anche radere una parte della barba (come spiegato sopra) equivale al raderla tutta